Lampascioni sottolio? Non solo e in ogni stagione!

Il lampascione è un prodotto molto apprezzato, ma non tutti sanno che può essere gustato in tutte le stagioni e non solo sottolio.

lampascioni
lampascioni

E’ cominciata da pochi giorni la nuova raccolta del lampascione.

La Storia

Il lampascione è un frutto speciale, dalle mille proprietà. Antichissimo, protagonista di tante storie.
Si racconta che i Romani lo ritenessero indispensabile nei banchetti nunziali perchè considerato di buon augurio, un potente afrodisiaco utile per stuzzicare la passione dei giovani sposi. Consigliato addirittura da Ovidio e Plinio il Vecchio.

Come Conservarlo

Il lampascione è ricco di nutrienti preziosi per il nostro benessere, oltre ad avere quel gusto unico e inconfondibile, che profuma di Puglia ed emoziona sempre, in ogni stagione.
Si, proprio in ogni stagione. Il lampascione infatti può essere conservato per mesi interi, se messo in una cassettina forata e ricoperto di terra. E’ un bulbo. Deve vivere sottoterra, al buio, al fresco e all’asciutto.
Così è pronto per essere dentro al piatto ad ogni occorrenza.

I benefici

E’ un prodotto dai mille benefici. Ricchissimo di sali minerali, fibre ed ha pochissime calorie . Stimola le funzioni intestinali, aiuta a prevenire la formazione di trombi e ha un alto potere antinfiammatorio e antitumorale, in grado di regolare il colesterolo cattivo e la pressione sanguigna.
Si può gustare in tante ricette. Noi preferiamo conservarlo sottolio, così riusciamo ad unire ai benefici del lampascione anche quelli dell’olio extravergine . Vuoi saper come prepararlo?

La ricetta

Eccoti la ricetta.

  • 1 Kg di lampascioni
  • 1 l di acqua
  • 1 l di aceto di vino bianco
  • 2 cucchiaini di sale
  • Olio evo di Peranzana

Come prepararli

Pulite i lampascioni dai residui di terra e dalle parti più esterne. Incideteli a croce nella parte inferiore (quest’operazione faciliterà la cottura). Lavateli e metteteli a bagno per un ‘oretta circa(perderanno un po’ di amaro). E’ molto importante non lavare i lampascioni prima di pulirli, perché una volta incisi tirano fuori una specie di siero che a contatto con l’acqua diventa una specie di colla e questo complica di molto l’operazione di pulizia.

Fate bollire insieme acqua, aceto e sale e tuffate i lampascioni. Dovranno bollire per circa 5 minuti. Dopo scolateli bene e lasciateli in un colapasta per un paio d’ore. Dopo metteteli in vasetti di vetro sterilizzati, coprite con l’olio evo e conservate in luogo fresco e asciutto.
Abbiate cura durante i primi giorni di controllare il livello dell’olio, che tende un po’ a diminuire poiché i lampascioni lo assorbono. Nel caso si abbassi aggiungete altro olio e se vi piace, potete aggiungere spezie come origano, prezzemolo o menta, peperoncino.

I vostri lampascioni sottolio sono pronti per soddisfare il vostro palato, anche se farli riposare un po’sarebbe meglio, si insaporiscono di più.
Se invece vuoi gustarli subito, noi li abbiamo già pronti.

Ci sono altri modi per assaporare  i lampascioni, vieni a coprire quali.