Oil pulling con l’olio evo: come depurarsi dall’intossinazione

Un antico rimedio della medicina ayurvedica grazie al potere antibatterico dell’olio evo diventa contemporaneo per eliminare le tossine e depurarsi.

L’intossinazione è un  fenomeno che interessa quotidianamente il nostro organismo.

E’ un processo fisiologico di produzione di tossine del nostro corpo ma se non è gestito correttamente rischia di essere molto pericoloso. Praticamente siamo tutti intossinati !Un aiuto arriva dall’oil pulling fatto con l’olio evo.

Vediamo subito come farlo e perchè.

  1. Cos’è l’intossinazione
  2. Oil pulling cos’è e come farlo
  3. Oli pulling

Cos’è l’intossinazione

L’intossinazione è un fenomeno che interessa quotidianamente il nostro organismo. Il nostro corpo nello svolgimento della sua attività produce rifiuti , le tossine, che debbono essere espulse. Chi si occupa di fare questo e di  lavare il nostro sangue  durante la notte sono gli organi emuntori e sono quattro: la pelle, i polmoni, i reni e il fegato.

Le tossine  grazie all’intervento di questi organi vengono spinte verso l’esterno e quindi si depositano sulla lingua e sulla bocca.

Il nostro organismo si sovraccarica di tossine quando si ingeriscono alimenti a cui si è intolleranti , a volte anche in modo inconsapevole, quando si è in sovrappeso e si mangia in modo irregolare.

Gli organi espuntori in questi casi fanno molta più fatica a pulire il nostro sangue, perché devono far fronte ad una produzione di tossine maggiore e non fisiologica. Il nostro corpo ha bisogno di un aiuto per favorire la depurarzione come l’oil  pulling un antico e naturale rimedio della medicina ayurvedica.

Oil pulling cos’è e come farlo

L’oil pulling è un rimedio per  depurarsi e riuscire ad eliminare le tossine che al mattino si trovano nel cavo orale.

L’azione dell’olio evo rigirato ed emulsionato in bocca riesce ad estrarre le tossine che si sono depositate sulla lingua, tra i denti e su tutta la bocca. L’oil pulling è necessario farlo con un olio di tipo vegetale.

E’ una pratica proveniente dalla medicina ayurvedica che prevede l’uso dell’olio di cocco, ma ottimo per le sue elevate proprietà antibatteriche vegetali è anche l’olio extravergine d’oliva.

Inoltre è facilmente reperibile , visto che un buon olio extravergine non dovrebbe mai mancare nelle nostre case e sulle nostre tavole.

L’oil pulling è bene farlo a prima mattina a digiuno.

Ecco come procedere e cosa serve

  1. Un bicchiere d’acqua
  2. 2 cucchiaini di olio evo
  3. 1 bicchiere d’acqua con mezzo limone spremuto

Appena alzati bevete un bicchiere d’acqua. E’ necessario che la bocca sia idratata per svolgere l’oil pulling al meglio.

Ingerite due cucchiaini di olio evo e cominciate a far girare l’olio in bocca , tra i denti e in tutto il cavo orale. Dovete emulsionare con movimenti regolari l’olio con la saliva minimo 10 minuti,farlo per meno tempo non produce alcun beneficio.

L’ideale sarebbe farlo per 20 minuti per avere una bocca perfetta e pulita.

Non fate gargarismi e non ingerite l’olio(è pieno di batteri!). L’emulsione tra olio e saliva farà cambiare colore all’olio . Non spaventatevi: il cambio di colore indica che l’operazione è stata fatta correttamente e l’olio ha svolto la sua funzione di spazzino.

Dopo aver sputato l’olio bevete un bicchiere d’acqua con il succo di mezzo limone spremuto. Questo aiuterà a pulire meglio la bocca dai residui di olio e donerà una piacevole sensazione di freschezza.

Adesso potete pure procedere con un’altra buona pratica mattutina e fare il pieno di antiossidanti e polifenoli: prendete una bella tazza di caffè nero, caldo e profumato.